Monotropism

Storia del monotropismo

Fergus Murray e Wenn Lawson (2022)

Dinah Murray ha completato il suo dottorato di ricerca in psicolinguistica presso l'University College di Londra nel 1985, con il titolo "Language and Interests". Aveva trascorso molti anni ad esplorare le relazioni tra linguaggio, interessi e pensiero quando la sua amica e collega linguista Robyn Carston le prestò una copia di "Autism: Explaining The Enigma" di Uta Frith. Frith in realtà non ha spiegato l'enigma, ma Dinah aveva la sensazione che potesse essere in grado di farlo.

Ha deciso di conoscere persone autistiche, in gran parte per vedere se la sua teoria è andata a buon fine, e ha finito per essere un operatore di supporto per molti anni, e fare amicizia con un gran numero di persone autistiche, professionisti dell'autismo e persone con familiari autistici. È anche diventata una regolare alla conferenza sull'autismo di Durham, dove ha presentato per la prima volta il monotropismo in pubblico nel 1992 con "Attention Tunnelling and Autism".

Ad un certo punto, uno dei suoi amici autistici, l'artista non parlante Ferenc Virag, le ha fatto sapere che non le aveva comprato l'ipotesi che lei stessa non fosse autistica, e sebbene Dinah inizialmente avesse respinto l'idea, aveva sempre il pensiero in fondo alla sua mente.

Nel frattempo, Wenn Lawson (allora Wendy Lawson) – che sapeva di essere autistico da qualche tempo, e gli fu diagnosticata nel 1994 – stava lavorando a una serie di idee molto simili in Australia. Scrisse del suo primo incontro con Dinah:

"Dinah si trovava a una conferenza, nel 1998, dove stavo presentando "Life and Learning in Autism: Single Focused Attention". Eravamo entrambi ugualmente entusiasti di sentire della ricerca dell'altro. Si scopre che mentre facevo ricerche e insegnavo tali concetti in Australia, Dinah aveva sviluppato lo stesso pensiero in Inghilterra. Quel primo incontro doveva essere l'inizio della nostra collaborazione di lavoro e di un'amicizia che dura tutta la vita".

Linguaggio, interessi e autismo: un omaggio alla dottoressa Dinah Murray (1946-2021), una pioniera dell'autismo
Un ritratto in un paesaggio: i due sembrano allegri sullo sfondo di un mare nebbioso e dolci colline.
Dinah e Wenn nel 2005

Nel 1995-1997 Wenn (allora Wendy) ha presentato sull'autismo e la comunicazione sulla base dei concetti di "monotropismo" dell'attenzione focalizzata su singolo in Nuova Zelanda e in conferenze fisse in tutta Victoria (Australia). In quegli anni ha anche lavorato presso "Southern Autistic Services" aiutando a insegnare e sviluppare la comprensione tra il personale che lavora con clienti autistici. Nel 1997 Wenn ha scritto per "Victorian Social Work" della necessità di comprendere l'autismo come "pensiero letterale" (un risultato diretto dell'essere monotropico) e della necessità per gli individui autistici di avere struttura e routine. Nel 1998 (prima del primo incontro tra Dinah e Wenn) Wenn scrisse il suo primo libro "Life behind glass" (un'autobiografia nel nome di Wendy Lawson) e all'interno del suo contenuto scrisse spesso del suo bisogno di routine, struttura e attenzione su una cosa alla volta. Nel 1999, Wenn ha completato la sua tesi di laurea (in Social Work) basata sulla stessa comprensione cognitiva dell'autismo come singola attenzione focalizzata. Nel 2001 Wenn ha scritto Understanding and Working with the Spectrum of Autism a cui Dinah ha contribuito con la bellissima illustrazione di:

'… shoaling, i molto neurotipici sono raggruppati nel mezzo…. rivolto nella stessa direzione… il molto autistico…. da soli; il nuoto non così neurotipico all'incirca nella stessa direzione, ma sul bordo della secca … i non così autistici che perdono di vista la secca ma generalmente in grado di recuperare e nuotare a fianco …"'

All'interno del libro lui (allora Wendy Lawson) spiega esplicitamente i due stili di apprendimento cognitivo molto diversi delle persone autistiche e non autistiche come l'uso dell'attenzione focalizzata singola (monotropismo) nell'autismo e per le persone non autistiche la capacità di spostare o dividere l'attenzione più facilmente (politropismo).Questi concetti continuarono come temi in tutte le pubblicazioni di Wenn nel corso degli anni e in ciascuno dei suoi (fino ad oggi) 23 libri e più di 30 articoli.

Uno dei frutti della collaborazione tra Wenn e Dinah è stato il loro articolo del 2005 sulla rivista "Autism", scritto con il collega pensatore autistico Mike Lesser: Attenzione, monotropismo e criteri diagnostici per l'autismo. Mike era uno scienziato matematico che ha portato una comprensione dei sistemi dinamici per affrontare il problema di come funzionano le diverse menti; lui e Dinah avevano lavorato insieme su queste idee dal 1990, e furono intervistati per Observer quell'anno.

Dinah e Wenn divennero amici e colleghi, trascorrendo molte ore insieme. Nonostante fossero in paesi di tutto il mondo l'uno dall'altro, coordinarono le loro idee e nell'anno 2000, Dinah si unì a Wenn in un tour di conferenze in Australia nazionale in cui introdussero congiuntamente l'Australia ai concetti di attenzione focalizzata singola, essendo governata da interessi profondamente focalizzati, o "monotropismo".

Dinah e Wenn hanno anche viaggiato insieme in tutto il Regno Unito tenendo presentazioni in Irlanda, Galles, Inghilterra e, infine, Scozia. Più tempo trascorrevano insieme, più diventava evidente a Wenn che Dinah era autistica. Questo evento si è verificato in Dinah ottenendo una valutazione dell'autismo (allora chiamata Sindrome di Asperger) nell'aprile 2009.

Separatamente nei rispettivi paesi, (oltre alla continua collaborazione) hanno continuato la loro ricerca e scrittura. Wenn, che stava lavorando al suo dottorato di ricerca dal 2002, in seguito ha completato la sua tesi intitolata: Single Attention and Associated Cognition in Autism (SAACA), espandendo ulteriormente l'idea di monotropismo, che ha trasformato nel libro The Passionate Mind (2011). Wenn ha anche pubblicato sulla neuroscienza dell'attenzione nell'autismo OA nel 2013 e ha co-scritto due articoli rilevanti con Brynn Dombroski nel Journal of Intellectual Disability – Diagnosis and Treatment (2015 e 2017). Ha anche fatto eco alla connessione attenzionale nell'autismo e nell'ADHD come co-autore in un articolo congiunto nel 2021.

Sia Wenn che Dinah hanno presentato ampiamente l'autismo in tutto il mondo, usando la lente del monotropismo per aiutare le persone a dare un senso alla loro esperienza autistica. Intorno al 2011 anche il loro amico, uno studioso autistico Damian Milton, ha iniziato a pubblicare sul monotropismo, dando importanti contributi sul suo rapporto con gli stati di flusso e sul suo ruolo nel problema della "doppia empatia" che aiuta a spiegare così tante delle difficoltà sociali affrontate dalle persone autistiche. 

Nel 2018, PARC ha organizzato una mini-conferenza "Autistic Fringe" sul monotropismo insieme alla principale conferenza annuale sull'autismo scozzese (registrazioni a seguire). Più o meno nello stesso periodo Fergus scrisse "Me and Monotropism: A unified theory of autism" per la rivista The Psychologist, sostenendo che le idee che Wenn e Dinah avevano elaborato forniscono una spiegazione molto più completa e meno problematica dell'autismo rispetto a qualsiasi delle teorie cognitive più consolidate. Molte persone autistiche hanno detto che il concetto di monotropismo ha trasformato il modo in cui comprendevano se stessi; l'articolo è stato ampiamente condiviso e si è rivelato essere l'articolo più letto della rivista del 2019. Una minoranza dice di non sentirsi affatto come se il monotropismo li descrivesse affatto; sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se alcune persone autistiche sono politropiche, o semplicemente non si connettono con le descrizioni che hanno incontrato, o se sta succedendo qualcos'altro.

Ci è voluto molto tempo perché l'establishment della psicologia prendesse molta attenzione, ma negli ultimi anni, il monotropismo ha ricevuto una buona dose di attenzione non solo all'interno della comunità autistica, ma anche tra i ricercatori sull'autismo – in particolare, ma non esclusivamente, i ricercatori sull'autismo autistico. Un nuovo lavoro peer-reviewed esce quasi tutte le settimane che ne parla, e il monotropismo è coperto da sempre più corsi universitari sull'autismo.

Come scrive Patrick Dwyer, il monotropismo è, "all'interno della comunità adulta autistica, probabilmente l'approccio teorico dominante verso la comprensione di cosa sia l'autismo". È un tema ricorrente in Learning from Autistic Teachers, un libro dedicato alla "dottoressa Dinah Murray, che ci ha insegnato molto". La ricerca empirica sulla teoria del monotropismo sta finalmente iniziando e questo sito verrà aggiornato non appena ci sarà altro da condividere.

In questa immagine, Dinah e Wenn sono mostrati mentre contemplano l'imponente barriera di pietra davanti a loro.
Un'altra foto di Dinah e Wenn nel 2005, al Giant's Causeway.
Skip to content